sabato 9 maggio 2015

"Solstice - l'incantesimo d'inverno" di C.E.A. Bennet ∾ Recensione


Titolo: Solstice – L’incantesimo d’inverno (Solstice saga)
Autore: C.E.A. Bennet
Genere: Young Adult, Romantico, Fantasy
Editore: Autopubblicazione
Data di pubblicazione: 16 settembre 2014
Prezzo di copertina: 3,99 € ebook
Pagine: 400
Dove acquistarlo?  Amazon | in Mondadori | iTunes | Feltrinelli | ibs | Kobo
Voto: ✪✪✪✪ ½

Trama 
Emma ha quasi sedici anni e due sorelle, Eileen e Constance. Vivono a Saint Claire, tranquilla cittadina del Connecticut, insieme alla madre Kate e alla misteriosa donna comparsa nelle loro vite da quando il padre le ha abbandonate, Miranda. Le Hataway non sono donne normali, ma streghe costrette a nascondere la loro natura e i loro poteri per rispettare le leggi dei Custodi, ai quali devono obbedienza. Leggi che Emma ha infranto quando era solo una bambina per aiutare quelli che sarebbero diventati i suoi migliori amici, Sam e Alec. Da allora i tre sono inseparabili nonostante Emma sia costretta a nascondere il segreto che più le sta a cuore. Non è l’unica, però, a mentire alle persone che ama. Cosa nascondono Kate e Miranda? Quali sono i terribili segreti seppelliti nel loro passato? Perché il padre è scomparso all’improvviso senza lasciare traccia? Alec Stevens ha sedici anni e molte domande. Spesso ha la sensazione che Emma conosca tutte le risposte. Emma. Cosa lo lega a lei e allo stesso tempo la rende irraggiungibile? Che cosa nasconde? Nel tentativo di svelare e nascondere i segreti che li circondano, Alec ed Emma non si accorgono che qualcuno si muove e li osserva nell’ombra in attesa che arrivi il momento di mettere in atto la sua vendetta. La storia, raccontata in prima persona da Emma e Alec, inizia con due episodi dell’infanzia destinati a cambiare per sempre le loro vite. Dopo un salto di dieci anni li ritroveremo alle prese con un sentimento molto umano, un passato famigliare turbolento e dei poteri che non facilitano le cose, anzi… Una storia d’amore, di amicizia e di legami famigliari burrascosi, ma profondi. Con un pizzico di magia.


Il mito della Coppia Perfetta
"...tutti hanno da qualche parte del mondo la propria metà."
- Miranda


Recensione

________________________________________________________________________________


A volte ci sono quei libri che non puoi far a meno di comprare. E altre volte vi sono quegli autori sconosciuti che riescono a sorprendere il lettore in un modo che non ci si aspetta.
Quest’ultimo è esattamente il caso di Solstice, l’incantesimo d’inverno di C.E.A. Bennet, pseudonimo di una giovane scrittrice in erba tutta da scoprire. Sì, perché quando il talento è reale, e tangibile, non c’è bisogno di dire altro. Facciamo parlare le parole, e la magica penna di questa autrice, sicuramente, è capace di regalarci una storia quasi perfetta.
   Solstice si colloca nel genere Young Adult, anche se dalle prime pagine abbiamo l’impressione di leggere un qualcosa che ben si allontana da questo tipo, e ci viene spontaneo avere dei rimandi all’adorabile scrittura della Rowling in Harry Potter. Questo fin quando i protagonisti, nonché un inseparabile trio di amici – Emma, Alec e Sam – da bambini si ritrovano svariati anni dopo a vivere la loro adolescenza, e la loro nuova vita legata ai sogni, ai desideri, ai nuovi sentimenti e ai rapporti famigliari. La cosa più straordinaria è notare come il modo di scrittura cambi di colpo in questo salto temporale. I pensieri, le parole, il modo di porsi... Assolutamente suggestivo.
Ma ancora più stimolante diventa la trama entrando passo dopo passo nel cuore del lettore grazie, soprattutto, a quell’ingrediente romantico assolutamente essenziale che diviene il punto cardine di ogni scelta e ogni conseguenza. Non solamente, quindi, un genere Young Adult, ma anche un sentimentale e fantasy, poiché la magia è l’elemento basilare, soprattutto per la prorompente famiglia – tutta al femminile – di Emma. La parola “strega” non ci sembra poi così di fantasia.





   Interessante, inoltre, è vedere come i personaggi secondari si integrino discretamente e come si intreccino alla storia e ai protagonisti, sebbene talvolta possano sfuggirci alcuni particolari e descrizioni in un libro così capiente di contenuti (e di pagine: poco più di 400!). Intrigante è anche l’immagine dell’antagonista che l’autrice dipinge come un uomo elegante e misterioso, malgrado quest’ultimo avremo modo di conoscerlo e di approfondirlo meglio oltre la metà del volume.
Segreti di famiglia, personaggi che ritornano da un passato sconvolgente, condito sapientemente da una trama scandita capitolo dopo capitolo, che ci lascia come se il nostro cuore fosse sospeso a mezz'aria aspettando un finale che è tutt'altro che scontato. Non potevamo proprio immaginarcelo. Quel tipo di svolte nella storia che ci inducono a continuare nella lettura. Probabilmente questo è avvantaggiato anche per la scrittura molto scorrevole, moderna e diretta dell’autrice, che ci accompagna all’interno di una struggente storia d’amore. La voce narrante, al passato, è quella principalmente di Emma. Essa fa parte di quel tipo di ragazza che non ama essere al centro dell’attenzione (almeno che non si tratti dell’attenzione di qualcuno di veramente speciale!) timida ma allo steso tempo ironica e intelligente. Forse non propriamente descritta come un’eroina, in confronto ad altri libri del genere in cui vengono descritti maggiormente la personalità, i sogni e le abitudini. Eppure riesce, in un qualche modo, a scavarsi una piccola nicchia nel nostro cuore.
Seconda voce narrante, ma meno frequente, è quella di Alec, se vogliamo l’opposto di Emma: capitano della squadra di basket del liceo, audace e dal temperamento impulsivo. Un personaggio che rimane nella nostra mente anche dopo che abbiamo chiuso il libro per una pausa. Assolutamente ben raccontato ed affascinante, forse uno dei migliori.






_______________________________________________________________________________________

"era come se ci fosse un elastico invisibile teso tra di noi e più
tiravo per allontanarmi da lui, più il desiderio di stargli accanto tornava
indietro aumentando di cento volte. Fin quando qualcuno avrebbe
tranciato di netto il filo e allora sarei schizzata via lontano.
Chissà dove e in quanti pezzi"
- Emma
_______________________________________________________________________________________

   Questi due protagonisti sono legati in un modo veramente intenso e inscindibile, così tanto che neppure loro possono immaginarlo, sebbene la loro sottile linea di demarcazione viene messa a dura prova dai sentimenti che provano e che non possono far a meno di sentire l’uno per l’altra. Non è solamente un semplice interesse, il loro. La scossa che avvertono ogni volta che le loro pelli si sfiorano è il segnalare chiaro e netto che un qualcosa di più grande giace dentro di loro. Anzi, nel loro destino. L’incanto che getta sul lettore questo amore è un qualcosa di particolarmente elettrizzante. E’ vero che è molto bello leggere una storia d’amore tra due persone che si appartengono, ma è anche vero che è irresistibile una storia tormentosa, fatta di alti e bassi, e sapere che tutto ciò che essi provano lo possono letteralmente percepire e provare sulla pelle come un tatuaggio impresso nelle loro menti. Una connessione che non si può spezzare.
   Parlando della cover, troviamo una buonissima grafica semplice ma di effetto, che abbandona tanti fronzoli e colori, prediligendo uno stile lontano dalle solite figure femminili posizionate in copertina. Sobrio, sì… ma anche altrettanto elegante.



VOTO: 4,5 stelle/ su 5


____________________________________________________________________________________________________

L'autrice

C.E. A Bennet. Laureata in Giornalismo, è nata e cresciuta a Verona. Attualmente vive a Bologna dove lavora come copy e addetta stampa. L’incantesimo d’Inverno è il suo romanzo d’esordio, nonché il primo capitolo della saga Solstice
Ah già. Le piacciono i treni.


4 commenti:

  1. Bella recensione!! Ho questo libro in WL da quando è uscito, non so c'è qualcosa che mi incuriosisce... *__*
    Spero di riuscire a leggerlo presto, soprattutto dopo aver letto il tuo parere più che positivo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente consigliato! Sopratutto se si è amanti degli amori impossibili. Ops! ho detto troppo.
      Un abbraccio

      Elimina
  2. Non conoscevo questo libro, ma credo che se l'avessi visto in libreria ne sarei rimasta subito colpita. E' proprio il genere di cover che attira la mia attenzione. La trama sembra carina anche se non mi convince del tutto. Intanto me lo segno tra i forse.

    RispondiElimina
  3. Bella recensione!! Be' sembra davvero un bel libro *_* mi hai incuriosita tantissimo!!

    RispondiElimina

♡ Dolci&Parole può crescere solamente grazie ai vostri commenti, vi ringrazio di tutto cuore se vorrete scrivere qui sotto cosa ne pensate di questo post ♡

Grafiche e contenuti © ROBERTA DELLABORA DESIGN
Per info: dolcieparole@gmail.com