mercoledì 17 dicembre 2014

"Fil Rouge" di Ornella Calcagnile | # Recensione

In questo post vi illustrerò, e vi spiegherò, i miei pensieri e pareri riguardanti il breve romanzo di genere Romance della giovane esordiente scrittrice (Self-publishing) Ornella Calcagnile, analizzando "Fil Rouge" (ovvero "Filo Rosso").


“Tutti noi nasciamo con un filo rosso legato 
al mignolo della mano sinistra, 
filo che ci lega alla nostra anima gemella.”


Titolo: Fil Rouge 
Autore: Ornella Calcagnile 
Genere: Romance/ Erotico (30%) 
Editore: Self-Publishing Narcissus 
Formato: E-book 
Prezzo: 0,99 € 
Pagine: 118 
ISBN: 9786050329933 
Data di pubblicazione: ottobre 2014 
Dove trovarlo? Amazon | Feltrinelli | Ultimabooks | Kobo | inMondadori 
Voto: ✪✪✪½

Trama 
Avete presente la vibrante sensazione di positività che vi può trasmettere a pelle una persona appena conosciuta? Se poi questa persona è un giovane uomo affascinante, la situazione si complica e Kylie avverte subito i piaceri e le insidie legati a questo inatteso e magnetico feeling che scoppia con Joël; l’inquilino dei piani alti dai magnifici occhi di cristallo e il sorriso accattivante. Ma i due giovani sono davvero legati dal filo rosso del destino? Tra amicizie esasperate, passioni trattenute, amori improvvisi, donne zuccherose e signore drago; Kylie verrà risucchiata in un vortice di situazioni grottesche, addirittura esilaranti, in cui scoprirà tante cose, compreso ciò che la lega davvero a Joël. Per farlo, si affiderà anche alla buona sorte, portando con sé il suo particolare e inseparabile portafortuna, che beh…avrà molto a che fare con un “file rouge”.



Recensione
________________________________________________________________________________


Un breve romanzo dall’inizio molto coinvolgente, dalle venature romantiche e spiritose, con un po’ di pepe e un po’ di zucchero quanto basta. Genuino, sarebbe la parola esatta. Effettivamente se Ornella Calcagnile fosse un cuoco, avrebbe il magico potere di regalare pietanze saporite ai suoi clienti. Atmosfere deliziose e suggestive, che in un primo momento mi hanno riportato ai romanzi magnifici della ben famosa Joanne Harris (vedi “Chocolat”), stimolata forse dalla location fantastica: la Francia e la sua capitale Parigi.


   Fil Rouge si ispira ad una credenza orientale secondo il quale Tutti noi nasciamo con un filo rosso legato al mignolo della mano sinistra, filo che ci lega alla nostra anima gemella. Così l’autrice costruisce una trama. Una bella storia ben studiata. Talvolta divertente, talvolta appassionante e romantica al punto giusto. Una trama genuina. Dialoghi interessanti e mai noiosi.
Un romanzo raccontato al passato dal punto di vista della nostra protagonista Kylie che, un giorno, trasferitasi nel nuovo appartamento in cerca di una nuova libertà e indipendenza, si imbatte nell’affascinante inquilino dei piani alti, Jöel. Da questo loro incontro nasce la scintilla, ma anche una serie di in convenevoli a cui i due dovranno venire a capo, come il misterioso matrimonio di lui, scoprendo così che non è tutto oro ciò che luccica.
Quindi tra malintesi, scoperte sconcertanti e verità scomode, si troveranno in mezzo a una centrifuga di situazioni a dir poco assurde e decisamente sconnesse.
Un intrigo che attira il lettore come le api con il miele, proponendoci colpi di scena che accendono la voglia di sapere come andrà a finire.


  La cosa probabilmente più interessante, ancor più della trama, sono i personaggi. Kylie, Jöel, Liza, Sebastién … Tutti armoniosamente ben scanditi e descritti: vite intrecciate splendidamente e con credibilità. Sebbene io non provassi una folle simpatia per il bellissimo Jöel, e per come la trama abbia preso una piega piuttosto scontata, ho trovato che il tutto si amalgamasse equilibratamente. Ogni personaggio si aggiudica il suo posto in modo decisivo, arricchendo con la loro presenza scene fuori dalla norma, tuttavia imprevedibili e frizzanti.
Nessuna divagazione, nessuna pausa, nessun particolare lasciato al caso. Una commedia ben narrata dalla piacevole scrittura di Ornella Calcagnile che si destreggia abilmente con un linguaggio colorito e sapiente. Forse talvolta con qualche errore di ortografia, ma comunque assolutamente nella media.



VOTO: 3,5 stelle/ su 5

________________________________________________________________________________________________________


L'autrice:

Ornella Calcagnile è nata a Napoli il 2 gennaio 1986.
Diplomata all’Istituto D’Arte, laureata in Scienze della Comunicazione. Inizia a scrivere nel 2008 per dare sfogo alla sua fantasia ma con il tempo nasce una vera e propria passione. Nel 2012 apre un lit-blog “Peccati di Penna” dedicato ai libri. Nel 2013 esordisce come scrittrice con il romanzo urban fantasy “Helena”, pubblicato con Ute Libri. Nel 2014 si cimenta in racconti auto-pubblicati: “Black - The Hunter”, spin off di “Helena” e l’horror “È la mia natura”. Sempre nello stesso anno, auto-pubblica il romance “Fil Rouge” sperimentando uno nuovo genere.





2 commenti:

  1. Bellissima recensione, grazie mille Roberta :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di niente Ornella, è tutto merito del tuo talento (che sono sicura crescerà ancora, libro dopo libro). Un saluto e buone feste. ^^

      Elimina

♡ Dolci&Parole può crescere solamente grazie ai vostri commenti, vi ringrazio di tutto cuore se vorrete scrivere qui sotto cosa ne pensate di questo post ♡

Consigliati


Grafiche e contenuti © ROBERTA DELLABORA DESIGN
Per info: dolcieparole@gmail.com