ATTENZIONE! // NEW NOTICE!

Dolci&Parole si è trasferito su una nuova piattaforma web, vi aspetto tra i miei post e le mie foto su

Dolci&Parole Blog now is on a new web platform, you can continue to follow my post and pics here www.dolcieparole.altervista.org

THANK YOU EVERYBODY!!!

domenica 15 marzo 2015

"Mistyc City" di Theo Lawrence | # Recensione



Titolo: Mystic City 
Autore: Theo Lawrence
Traduzione: Giorgio Salvi
Editore: Mondadori (Chrysalide)
Data di pubblicazione: 17 Giugno 2014
Genere: Young Adult, Romance, Distopico, Mistero
Prezzo di copertina: 17,00 € / 4,99 € ebook
Pagine: 400
ISBN: 978-88-04-64079-0
Voto: ✪✪✪✪

Trama
    In una New York sommersa dall'acqua a causa del riscaldamento globale, i quartieri sono rigidamente divisi: Aire, la zona più elevata, è abitata dai ricchi, mentre la classe inferiore è costretta a vivere nel degrado del livello più basso, Abyss. La sopravvivenza della città è garantita dall'energia generata dai mystic, rappresentanti della classe inferiore dotati di poteri magici. Ma i mystic sono un potenziale pericolo, e per contenere la loro minaccia le due famiglie rivali che governano New York si alleano: Aria e Thomas, i rispettivi figli, dovranno sposarsi. Ma Aria si innamora di Hunter, un mystic ribelle e appassionato rivoluzionario, determinato a cambiare il destino del suo popolo. Un amore proibito è destinato a portare lutti e dolore, ma anche a travolgere per sempre la vita di Aria e del mondo stesso.



Recensione
________________________________________________________________________________


Mystic City si propone come una rivisitazione della ben conosciuta opera Sheakspeariana, in modo originale e accattivante. Sebbene in tutto questo vi siano solamente dei deboli rimandi, come può essere la rivalità delle famiglie che caratterizza il romanzo di Romeo e Giulietta, Theo Lawrence decide di approfondire maggiormente l’intrigo misterioso celato dietro le vicende, cuore pulsante di tutta la storia che riesce ad attirare il lettore e indurlo a proseguire nella lettura. Probabilmente il mistero, la suspance e il fatto che la protagonista debba lottare per chi ama veramente, rende Mystic City un ottimo romanzo per ragazzi, ma anche per adulti.


"Questo Mystic mi ha salvato la vita.
Dopo un attimo mi guarda e dice: - Stai bene? - La sua voce è
profonda e dolce come il miele. Sono scioccata dalla sua
bellezza. Occhi azzurri, non scuri come l'oceano ma limpidi
come il cielo terso. Capelli che sembrano accarezzati dal sole, 
con qualche ciocca più scura."


   Ci troviamo in una location molto particolare, in una New York alternativa e futura, la quale non è poi tanto diversa dall’attuale. Infatti essa è governata e gestita dalle figure più in voga e importanti della città, i Rose (nella quale fa parte Aria, la protagonista) e i Foster, eterni rivali che decidono di unirsi per una buona causa: il matrimonio dei figli Aria Rose e Thomas Foster. O almeno così può sembrare all’inizio.
Interessante è tutto il contesto che ci viene descritto. New York è divisa in due zone, l’alta città più potente, più ricca chiamata Aire, e la bassa città Abyss, più sporca, povera e in degrado per via del surriscaldamento globale che rende le temperature tanto elevate e l’innalzamento dei mari un problema per la vita della popolazione.
Ad Abyss vivono i Mystic, persone ritenute pericolose per via dei poteri straordinari, i quali ne vengono prosciugati dal governo per ricavarne la fonte primaria: l’energia che da tempo ha sostituito l’energia elettrica. Così la New York dei Rose e dei Foster si libra al dì sopra del livello delle acque e della distrutta città di Abyss.




Il quadro completo della società ci viene narrato da subito e viene esaminato man mano che si prosegue nella lettura, donandoci così la sensazione di vivere noi stessi nella storia, di vedere con i nostri occhi le strade, i locali, persino i mezzi di trasporto. La capacità di scrivere di Theo Lawrence è semplicemente deliziosa.
Un linguaggio non troppo complesso seppur articolato e coinciso. E’ soprattutto grazie alla scorrevolezza del testo che siamo indotti a leggere fino alle ultime battute, e se da prima avevamo storto il naso per le 400 pagine che ci trovavamo davanti, dopo ci sorprendiamo della velocità con il quale abbiamo divorato il romanzo.
   Da subito la storia inizia con un’introduzione che ci fa subito sospettare che qualcosa non vada. Aria non ricorda nulla di ciò che è successo prima della sua overdose da Stic (una droga ritenuta illegale e pericolosa) e questo ci fa immediatamente capire che ciò che leggeremo della vita della protagonista, sapremo solamente verso la fine cosa è successo in realtà. Il che, a dir il vero, non è nemmeno così difficile da intuire. Aria si sta tutto d’un tratto per sposare, la data è stata fissata e il suo futuro sposo ben altro non è che il figlio della famiglia rivale: Thomas Foster. Bello come un principe azzurro, ricco e gentile. Ma nel cuore di Aria non c’è quell’attrazione che lei si aspetta, spera che la memoria le possa tornare presto per ricordare quali sentimenti ha provato per lui un tempo. Ma tutto è strano e distorto, come se quella storia d’amore non l’avesse mai vissuta, sebbene nella sua mente si susseguano delle immagini con un ragazzo che lei non ricorda. In seguito si viene a scoprire fatti sconcertanti e verità svelate solo in parte.

Un mistero che puzza di complotto e che si intuisce come potrebbe finire, ma continuiamo lo stesso a leggere per assaporare l’emozionante avventura della protagonista. Forse una qualità ancor più affascinante dei personaggi che ci vengono descritti. Non fraintendete quest’ultima osservazione. I personaggi sono piuttosto ben studiati, definiti nei loro caratteri e nelle loro personalità, ma altrettanto molto distanti. Non li sentiamo sulla pelle. Leggiamo le loro vicende come se stessimo analizzando un profilo su Facebook, ma neanche con così tanto interesse. Personalmente ho trovato un po’ deludente l’evoluzione della storia romantica e del suo protagonista maschile, Hunter. Ci si aspetta che abbia un carattere forte, coraggioso, dinamico ed affascinate. Ma è come se ci venisse proposto con troppa sufficienza, invece che con generosa vivacità. Effettivamente non c’è niente di vivace in questo personaggio, purtroppo. Ed è per questo che il romanticismo dietro tutta la trama perde un po’ di colore e non riusciamo ad assaporarlo come vorremmo. Ma dopotutto non ci si può aspettare tanto da uno scrittore maschile, che con la sua mente ha pensato per lo più a rendere il romanzo un genere per tutti, ragazzi compresi.
  Notoriamente, non si può dire che le scelte stilistiche di Mystic City siano da buttare, anzi. Un ottimo romanzo con un’ottima copertina, disegnata da Cliff Nielsen. Assolutamente fantastica. Non nascondo il fatto che il romanzo mi abbia attratto molto per la cover, ma dopotutto chi non lo sarebbe?


"Il vento mi strappa il respiro e si porta via il mio grido, mi solleva la gonna
e mi spazza i cappelli sulla faccia. Hunter affonda le dita nelle mie spalle, mi tiene stretta,
come fossimo un unico corpo che va incontro alla morte in caduta libera.
Accade tutto così in fretta che non ho neanche il tempo di 
dirgli: - ti amo -"


______________________________________________________________________________________________________________


VOTO: 4 Stelle /su 5


E voi cosa ne pensate? Avete letto Mistyc City? Cosa avete trovato più intrigante e cosa meno?


______________________________________________________________________________________________________________



L'autore

Theo Lawrence è nato nel 1984. Laureato alla Columbia University e alla Juilliard School, ha un master in letteratura alla Fordham University e vive nel Manhattan Upper West Side. Il suo appartamento è pieno di fotografie di cani bassotti.


6 commenti:

  1. Questo libro a me non è piaciuto molto. Nulla da ridire sullo stile, molto scorrevole, ma l'autore non è riuscito a caratterizzare come si deve i suoi personaggi. Inoltre secondo me ci sono anche buchi nella trama :/ io non credo che leggerò il seguito!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io ho percepito la stessa cosa a proposito di buchi nella trama e dei personaggi.

      Elimina
  2. Non l'ho letto, ma mi incuriosisce ^^

    RispondiElimina
  3. Ciao! Sono stata nominata ai Liebster Awards 2015 e dovevo scegliere dei blog da nominare a mia volta! Spero parteciperete anche voi (: http://jessicasbooks89.blogspot.it/2015/03/liebster-awards-2015.html

    RispondiElimina
  4. Ciao, ti ho nominato alla Liebster Award.
    Di cosa si tratta? È un premio che viene conferito da blogger ad altri blogger, con lo scopo di farli conoscere nella rete e per far sì che a loro volta promuovano altri blog che li hanno colpiti. Se ti va di partecipare devi rispondere alle domande che ho posto nel mio blog. Qui c’è il link: http://camminando-tra-le-pagine.blogspot.it/2015/03/liebster-award-2015-2.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao carissima Frency,
      conosco bene il liebster award. Mi aveva già nominata Jessica qui sopra. Ma grazie comunque. Appena troverò un attimo di tempo per scrivere il post, parteciperò volentieri. Grazie mille. Un abbraccio

      Elimina

♡ Dolci&Parole può crescere solamente grazie ai vostri commenti, vi ringrazio di tutto cuore se vorrete scrivere qui sotto cosa ne pensate di questo post ♡

Consigliati


Grafiche e contenuti © ROBERTA DELLABORA DESIGN
Per info: dolcieparole@gmail.com