giovedì 5 febbraio 2015

"Scrivimi Ancora" di Cecelia Ahern | # Recensione



Titolo: Scrivimi Ancora
Autore: Cecelia Ahern
Titolo originale: When Raimbows End
Genere: Sentimentale
Editore: Sonzogno Editore / Rizzoli
Data di pubblicazione: 2005 /2006
Prezzo di copertina: € 9.90 circa (Cartaceo), € 6.99 (ebook)
Pagine: 429
Voto: ✪✪✪✪

Trama 
Fin da bambini, Rosie e Alex, compagni di banco in una scuola elementare di Dublino, cominciano a scriversi letterine e bigliettini in una fitta e tenera corrispondenza. Così si scambiano inviti alle feste, progettano marachelle o sparlano di genitori e insegnanti. Il tempo passa, ma loro non cambiano modo di comunicare, utilizzando le e-mail e gli sms per i pettegolezzi dell’adolescenza e per confessarsi le rispettive prime esperienze sentimentali. Quando Alex è costretto a trasferirsi a Boston, Rosie pensa a sua volta di iscriversi a un’università americana. Ma, alla vigilia della partenza, un evento inaspettato la costringe ad annullare il viaggio. Divisi da un oceano e dalle circostanze della vita, continueranno a scriversi, perché il loro intensissimo legame è destinato a non interrompersi mai…



"Eravamo inseparabili, 
ma costantemente separati."



Recensione
________________________________________________________________________________


Scrivimi ancora è ormai un altro successo acclamato in tutto il mondo, scaturito dall’originale penna di Cecelia Ahern, che con la sua grande sensibilità ci porta per mano in una storia capace di commuoverci.
Inizialmente si resta un po’ basiti dalla forma narrativa assolutamente singolare: infatti essa non è altro che una raccolta di bigliettini, lettere, e-mail e conversazioni in chat. Dunque una forma Epistolare che ci racconta parola per parola un’intera vita di due straordinari amici, Rosie e Alex.
  La trama fondamentalmente si scandisce negli anni dei protagonisti, sullo sfondo di una Dublino contemporanea. Una serie di vicissitudini divertenti che ci fanno ridere a crepapelle, mentre altre catastroficamente più tristi e profonde che ci fanno capire quanti alti e bassi una persona debba sopportare nella sua esistenza: per lo più se stiamo parlando di Rosie Dunne!
La cosa più interessante di questo libro è l'evolversi degli eventi e della vita dei personaggi. li vediamo cresce e confrontarsi con i vari disagi (e piaceri) della vita. E inevitabilmente ci affezioniamo a loro.

Un libro che è come una metafora di vita. È incredibile come la scrittrice riesca ad insegnarci ed a ispirarci, suggerendoci di non arrenderci alle difficoltà e di vivere ogni giorno attimo dopo attimo. La vita è ricca di imprevisti ma anche di emozioni, sta a noi capire come gestire il nostro presente e futuro.


Con Cecelia Ahern non si può parlare di una vera e propria scrittura, ma solamente di una grande creatività e senso dello stile. I discorsi diventano brillanti spunti di conversazione tra i personaggi più disparati, come i genitori dei protagonisti, Katie, Stephanie, Ruby... e magicamente ci attraggono diventando il nostro “pettegolezzo” preferito, sebbene di questo non si tratti. Fin quando, giungiamo alla fine del libro e ci accorgiamo solo allora che non può esserci finale migliore, e quasi ci dispiace di aver terminato quest’avventura che ci ha accompagnato nel nostro tempo libero. Certamente, leggere la storia di una vita “vera” ci lega ancor di più in un’empatia travolgente e concreta. Come se avessimo conosciuto veramente le persone narrate nel libro e che ci avessero aiutato a conoscere un po’ più adeguatamente noi stessi, e ci avessero incoraggiati a fare del nostro meglio. Per questo una storia ispirante.


_______________________________________________________________

La vita è dura; e allora? E' dura per tutti
non credi? E chiunque dice che è facile,
è un bugiardo [...]
- Rosie
A: Stephanie / Oggetto: Un attimo di sfogo

_______________________________________________________________


E’ così, infatti, che il metodo narrativo, che all’inizio ci aveva spiazzati, passa in secondo piano. Si può quindi affermare che il vero protagonista di questa storia sia proprio l’amore, in tutte le sue forme: quello tra bambini, tra adulti, tra genitori e figli e tra amici.

Quasi cinquecento pagine a plasmare un'amicizia e un'intera vita di due persone che si vogliono bene, si amano, si sostengono, si guidano, si allontanano, si rincorrono, si riprendono e si sfuggono. E poi quel fatidico “silenzio” tra i due, che vuole dire più di ogni parola pronunciata ad alta voce. Un’amicizia invidiabile che dura tutta una vita. Ed è stupefacente.


_______________________________________________________________

Quelli che dicono che è una lunga storia in realtà 
vogliono dire che la storia è stupida e corta, 
che sono troppo imbarazzati e che non gli va di raccontarla.

_______________________________________________________________




VOTO: 4 stelle/su 5

________________________________________________________________________________


L'autrice

Cecelia Ahern (Dublino, 30 settembre 1981) è una scrittrice irlandese, laureata in giornalismo e comunicazione. 
Il suo primo libro P.S. I Love You, scritto a soli 21 anni, è divenuto un caso internazionale e in seguito un film prodotto da Warner Bros con protagonisti Hilary Swank e Gerard Butler. Nel 2014, invece, è uscito il film tratto da Scrivimi ancora, il secondo omonimo romanzo di Cecelia. Il suo ultimo romanzo Innamorarsi, istruzioni per l’uso è stato uno dei più attesi del 2015 e attualmente è distribuito in Italia dalla Rizzoli.




4 commenti:

  1. Questo libro è tra i miei preferiti di sempre ** E ancora devo vedere il film perchè al cinema me lo sono perso *sciagura su di me*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo in due! Anche io non ho ancora visto il film, ora che ho terminato il libro ho una voglia matta di vedere come lo hanno riadattato alla pellicola cinamatografica.

      Elimina
  2. Io voglio assolutamente leggerlo e adoooro la nuova cover!!! *---*

    RispondiElimina
  3. E' stata una lettura molto carina, anche se devo ammettere che non rientra proprio tra i miei generi preferiti. Ho apprezzato lo stile dell'autrice e ho trovato i protagonisti molto dolci :3 (anche se potevano dirsi tutto fin dalla prima pagina e vivere felici e contenti ahahha). Non ho ancora visto il film, ma prima o poi lo farò sicuramente, anche solo per amore di Sam u.u
    Ora sono curiosa di leggere anche Flawed *___* rientra decisamente più nel mio genere.

    RispondiElimina

♡ Dolci&Parole può crescere solamente grazie ai vostri commenti, vi ringrazio di tutto cuore se vorrete scrivere qui sotto cosa ne pensate di questo post ♡

Grafiche e contenuti © ROBERTA DELLABORA DESIGN
Per info: dolcieparole@gmail.com